Siria: una quotidiana lotta per la sopravvivenza
  Nel loro impegno i donatori devono porre al primo piano la drammatica e urgente situazione umanitaria degli sfollati siriani
  Giordania: un viaggio difficile e rischioso verso la salvezza
  Giordania: costretti tra le memorie del passato e la realtà del presente
  Giordania: sognando una Siria aperta
  Giordania: mangia la polvere qui o muori in Siria
  Giordania: istruzione online giova alle competenze dei rifugiati
  Giordania: rifugiati che aiutano altri rifugiati
  Il Direttore del JRS Medio Oriente in visita negli Stati Uniti
  Libano: una tazza di tè nella neve
  Libano: mantenere vivo uno spirito speciale
  Libano: barriere linguistiche impediscono ai bambini di frequentare la scuola
  Libano: famiglie siriane fuggono per proteggere i propri figli
  Preghiera per la Siria: beati gli operatori di pace
  Siria: ad Aleppo, la mancanza di pane e carburante rende tutto ancora più difficile
  Siria: riunire le famiglie
  Siria: la soluzione è il dialogo, non la guerra
  Siria: i siriani sfollati faticano a trovare un rifugio
  Siria: incoraggiare gli sfollati a prendere parte attiva all'assistenza di emergenza.
  Siria: pur tra le macerie, lo spirito non cede
  Siria: aggrapparsi alla normalità ad Aleppo
  Siria: la situazione umanitaria nella regione si va rapidamente deteriorando
  Siria: in tempi di conflitto, le persecuzioni colpiscono sia cristiani sia musulmani
  Siria: rifugiati iracheni ai margini di un altro conflitto
  Siria: il JRS amplia il suo intervento ad Aleppo
  Siria: reti locali di solidarietà e JRS aiutano le famiglie sfollate
  Siria: rifugiato trova il suo scopo nella vita presso il centro Al Mukhales
  Siria: migliaia di sfollati dopo il riaccendersi delle violenze a Sheikh Maqsoud
  Siria: trasformare il dolore nella loro arma più potente
  Siria: due anni di conflitto mettono a serio rischio l'educazione e il benessere dei bambini
  Siria: aggiornamento sull'assistenza di emergenza del JRS
  Siria: bisogno urgente di viveri per l'inverno
  Siria: la violenza a Damasco alimenta disperazione e paura
  Siria: i volontari sono fondamentali per il lavoro del JRS
  Siria: riconosciuto da fondazione per i diritti umani tedesca il lavoro della comunità gesuita
  Siria: operare seguendo i principi di neutralità, non-violenza e inclusione
  Stati Uniti: il Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati sostiene la Siria
  Voci d'Europa unite per aiutare i rifugiati siriani


Le scuole non si usano più per studiare; una giovane ragazza è seduta all'aperto ad un banco che è stato tolto dalle classi per creare più spazio nella scuola per consentire alle persone di trovare riparo dalle violenze, Aleppo, Siria (Avo Kaprealian & Sedki Al Imam/JRS)
Amman, 12 ottobre 2012 – Come molti altri luoghi in tutto il Paese, lo staff e le sedi del JRS non sono stati risparmiati dalla violenza del conflitto. Gli spostamenti sono ridotti, le distribuzioni di beni rallentate e gli edifici vengono distrutti e evacuati. Tuttavia, nonostante queste avversità, il JRS e le reti locali di solidarietà hanno continuato a garantire aiuti di emergenza.

Le stime più recenti dell'Ufficio dell'ONU per il Coordinamento degli Affari Umanitari (OCHA) valutano che 2,5 milioni di siriani abbiano bisogno di assistenza, e che oltre300mila rifugiati si trovino nei Paesi confinanti. Si stima inoltre che 31mila persone siano morte a causa del conflitto da marzo 2011.

Aleppo. Il mese scorso, la sede JRS a Deir Vartan, situata nel territorio conteso di Midan, è stata teatro di una battaglia tra ribelli e forze governative. La cucina da campo è stata trasferita in un'altra sede e 10mila pasti caldi continuano ad essere distribuiti ogni giorno agli sfollati siriani. Di conseguenza Deir Vartan è stato in parte distrutto e, per il momento, non è accessibile per lo staff del JRS.

Secondo l'OCHA, 600 scuole in Siria vengono usate come rifugi. Il JRS ha assunto la gestione di 5 delle 30 scuole di Aleppo, fornendo anche cibo, generi di prima necessità e sostegno economico a 4.000 persone. Tuttavia, con l'arrivo dell'inverno le temperature caleranno sensibilmente e gli sfollati siriani che non hanno accesso ai ricoveri restano motivo di preoccupazione.

Damasco. Una serie di forti esplosioni nei giorni scorsi ha innalzato nuovamente il livello di tensione nella popolazione locale. L'anno scolastico è ricominciato, ma secondo lo staff del JRS a Damasco , le scuole aperte sono sovraffollate e i costi dei trasporti per raggiungere le sedi delle lezioni sono proibitivi.

Nello sforzo di alleviare queste difficoltà, il JRS offre a quasi 500 bambini supporto educativo, sostegno economico per pagare i costi dei trasporti, sport e attività ricreative. Ai ragazzi viene offerta l'opportunità di partecipare a laboratori di manualità, di musica e di arte per incoraggiarli ad esprimersi e a attenuare l'impatto emotivo dovuto al trauma del conflitto.

"La nostra priorità al momento sono le attività di sostegno ai bambini. Stanno soffrendo gli effetti della migrazione forzata e del caos, ma anche della situazione terribile, degli eventi a cui assistono e del trauma delle loro famiglie, quando non sono loro stessi ad essere le vittime dirette", spiega Nawras Sammour SJ , direttore del JRS Medio Oriente e Nord Africa.

Il JRS sta coordinando la fornitura di aiuti di emergenza in forma di cibo, articoli per la casa, materassi, utensili da cucina e prodotti per l'igiene a 900 famiglie a Damasco. Altre 1.000 famiglie nella zona circostante ricevono aiuti indirettamente dal JRS attraverso le reti siriane di solidarietà, che lavorano attivamente per alleviare la crisi.

Homs. I centri del JRS a Homs, Al Mukhales e Al Waer, sono passati dalle attività estive ai corsi di recupero per rispondere adeguatamente ai bisogni dei bambini che sono tornati a scuola, Ogni pomeriggio per due ore, a 800 studenti nei due centri è offerto sostegno alla studio. 14 bambini disabili partecipano al un programma progettato specificamente per le loro esigenze.

I progetti futuri prevedono di sostenere una scuola nella valle di Marmarita, vicino al confine con il Libano. La popolazione di questa regione di confine è triplicata, portando la percentuale degli sfollati al 75% del totale. Di conseguenza, le autorità locali non riescono a rispondere ai bisogni educativi dei bambini rifugiati.

Il sostegno per 500 famiglie a Homs e dintorni continua. Molti residenti stanno rientrando a casa da altre zone, perché non c'è più nessuna parte della Siria che sia risparmiata dal flagello della guerra.

Paesi confinanti. In Giordania, l'Alto Commissariato dell'ONU per i Rifugiati (UNHCR) stima una presenza di 200mila siriani; l'area che maggiormente necessita un intervento è l'istruzione. Le autorità giordane hanno bisogno di supporto e risorse per rispondere ai bisogni dei siriani.

Ad Amman, il programma di istruzione informale del JRS continua ad accogliere siriani e il team per le visite alle famiglie mantiene contatto con 200 famiglie siriane, fornendo loro contributi economici e cibo. La maggior parte dei siriani in Giordania vive fuori dal campo profughi di Za'atari e fanno molta fatica a soddisfare i loro bisogni quotidiani.

Grazie al coordinamento locale con i gesuiti in Libano, il JRS ha iniziato a visitare famiglie di rifugiati siriani anche in quel Paese, cercando di valutare quale sostegno individuale possa essere offerto. Si sta inoltre portando avanti una valutazione del bisogno più sistematica .

Le ONG, tra cui il JRS, non possono ancora accedere ai campi sul confine tra Turchia e Siria, che restano sotto l'esclusiva responsabilità della Mezzaluna Rossa locale.

Come aiutare? Sotto trovate una lista di articoli di cui la gente in Siria ha urgente bisogno via via che ci si avvicina ai rigidi mesi invernali. Con il tuo sostegno economico, possiamo alleviare le sofferenze dei siriani.
  • 70 euro: 100 litri di olio per il riscaldamento per l'inverno
  • 80 euro: kit base per una famiglia: un materasso, due lenzuola, un cuscino, due coperte invernali e due asciugamani
  • 100 euro: una fornitura mensile di generi alimentari per una famiglia di cinque persone
  • 120 euro: vestiti invernali per una famiglia (maglione, giacca, pantaloni, scarpe)
  • 160 euro: affitto di un appartamento per un mese per una famiglia di sfollati
  • 4.000 euro: affitto di un appartamento per un mese per una famiglia di sfollati
  • 4.000 euro: costo di una fornitura di cibo giornaliera per 10mila persone
  • 8.000 euro: costo dell'installazione della cucina da campo
Per sostenere il progetto di emergenza del JRS, vai su https://www.jrs.net/donate

Countries Related to this Region
Jordan, Syria