I rifugiati si riuniscono nel nuovo edificio polifunzionale del JRS per un incontro di sensibilizzazione sulla violenza a sfondo sessuale e di genere (SGBV). (Mulugeta W Eyesus/JRS)
Dollo Ado, 26 ottobre 2012 – L'edificio polifunzionale del Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati (JRS), recentemente completato, spicca straordinariamente in una sezione del campo profughi di Melkadida. Costruito per offrire ai rifugiati a Dollo Ado uno spazio per le attività sportive al chiuso, è l'edificio più grande nel raggio di migliaia di chilometri quadrati. I lavori sono andati avanti rapidamente negli scorsi mesi e l'ultimo sviluppo è stata una nuova scuola.

Il JRS lavora a Melkadida da novembre 2011 per assistere i rifugiati somali fuggiti dalla guerra, dalla carestia e dalla povertà, attraverso programmi di supporto educativo e psicosociale. Tuttavia, la realizzazione di queste costruzioni è sempre stata una delle priorità. Oltre all'edificio polifunzionale e alla scuola, negli ultimi mesi sono stati ultimati una sala riunioni, uno spazio per il counselling, uffici, residenze per il personale del JRS e un centro di formazione professionale.

Alla metà di ottobre, il JRS ha consegnato ufficialmente la scuola elementare appena costruita all'Amministrazione Etiope per i Rifugiati e i Rimpatriati – la scuola garantirà l'istruzione a 480 bambini rifugiati.

Melkadida è uno dei cinque campi profughi a Dollo Ado sulla frontiera somala è ha una popolazione di circa 41mila rifugiati. Entro la fine di quest'anno, il JRS avrà aiutato più di 12.500 rifugiati.

Costruire una struttura per lo sport. "Circa 80 rifugiati al giorno prendono parte a attività sportive organizzate al chiuso nel nuovo edificio polifunzionale, al riparo dalla polvere e dal calore torrido del sole. Già la partecipazione alle attività sportive all'aperto proposte dal JRS aveva superato di molto le aspettative: moltissime persone vengono a giocare a pallavolo e a calcio", spiega Mulugeta W Eyesus, direttore del progetto Dollo Ado.

I campionati di calcio e pallavolo di Melkadida hanno suscitato grande entusiasmo tra i rifugiati in tutto il campo profughi. Il JRS organizza gli allenamenti per due ore ogni pomeriggio per più di 200 partecipanti e moltissimi spettatori. Questa attività regolare ha dato uno scopo e uno sfogo sicuro a molte persone, soprattutto giovani, stressate dalla vita del campo.

"Abbiamo notato un vistoso miglioramento, quasi dell'80%, nell'interazione sociale e nella positività tra i rifugiati che prendono parte ai tornei" racconta Eyesus.

Ai campionati partecipano squadre della comunità locale di Dollo Ado e squadre composte da rifugiati del campo.

Il JRS ha organizzato due workshop di allenamento sulle tecniche di calcio e di pallavolo e un corso di formazione per allenatori di calcio. Quindici rifugiati, che ora sono allenatori qualificati, hanno aiutato a svolgere i grandi tornei di calcio e pallavolo a gennaio, marzo e maggio – riunendo intorno al campo l'intera comunità.

Lancio dei corsi di formazione professionale. Una grande varietà di corsi di formazione professionale per adulti sono stati inaugurati di recente. I corsi di sartoria, tessitura, realizzazione di tappetini e disegno per tatuaggi con l'henné si sono rivelati molto richiesti. I rifugiati freqentano le lezioni nel nuovo centro di formazione professionale, che garantisce un ambiente fresco e al riparo dalla polvere, dal cado e dal vento.

Un grazioso edificio circolare con il tetto di paglia è stato finito ad agosto e serve da sala comune per le attività di teatro e musica. All'inizio dell'anno sono stati svolti workshop professionali di recitazione e scrittura di testi teatrali e da ora in avanti saranno svolti in questa sala. Inoltre, i rifugiati potranno partecipare ai workshop e ai corsi di formazione in psicologia nel complesso degli uffici appena ultimato.

Anche le lezioni di alfabetizzazione per adulti ha avuto molto successo. Dopo nove mesi, il numero di studenti che sanno leggere e scrivere parole semplici in inglese è salito gradualmente fino a un impressionante 70% del totale. Il 25 settembre, 400 studenti hanno ricevuto certificazioni di competenza della fase uno del programma di alfabetizzazione.

Guardando al futuro. A settembre lo staff del JRS si è trasferito dalle tende provvisorie a una sede stabile del JRS, un complesso che ospita nuovi uffici e spazi residenziali. A un anno dalla terribile carestia del Corno d'Africa, che ci ha spinto a lanciare l'appello del JRS per Dollo Ado, l'opera di costruzione è quasi terminata.

Quando i membri dello staff del JRS hanno visitato la prima volta il campo nell'agosto 2011 per realizzare una valutazione dei bisogni, le costruzioni erano solo un bozzetto sul blocco da disegno di un architetto. Ma dopo mesi di pianificazione e grazie al lavoro di centinaia di artigiani locali, il progetto ha preso forma.

Nei prossimi mesi, i rifugiati godranno dei benefici dei nuovi edifici e speriamo che la loro motivazione, il loro benessere e la loro speranza nel futuro continuino a crescere. I progetti futuri comprendono la costruzione di un centro dedicato all'alfabetizzazione degli adulti.

Katie Allan, Responsabile regionale delle comunicazioni , JRS Africa Orientale

Countries Related to this Region
Ethiopia