Siria: una quotidiana lotta per la sopravvivenza
  Nel loro impegno i donatori devono porre al primo piano la drammatica e urgente situazione umanitaria degli sfollati siriani
  Giordania: un viaggio difficile e rischioso verso la salvezza
  Giordania: costretti tra le memorie del passato e la realtà del presente
  Giordania: sognando una Siria aperta
  Giordania: mangia la polvere qui o muori in Siria
  Giordania: istruzione online giova alle competenze dei rifugiati
  Giordania: rifugiati che aiutano altri rifugiati
  Il Direttore del JRS Medio Oriente in visita negli Stati Uniti
  Libano: una tazza di tè nella neve
  Libano: mantenere vivo uno spirito speciale
  Libano: barriere linguistiche impediscono ai bambini di frequentare la scuola
  Libano: famiglie siriane fuggono per proteggere i propri figli
  Preghiera per la Siria: beati gli operatori di pace
  Siria: nonostante i disordini,i servizi si espandono
  Siria: ad Aleppo, la mancanza di pane e carburante rende tutto ancora più difficile
  Siria: riunire le famiglie
  Siria: la soluzione è il dialogo, non la guerra
  Siria: i siriani sfollati faticano a trovare un rifugio
  Siria: incoraggiare gli sfollati a prendere parte attiva all'assistenza di emergenza.
  Siria: pur tra le macerie, lo spirito non cede
  Siria: aggrapparsi alla normalità ad Aleppo
  Siria: la situazione umanitaria nella regione si va rapidamente deteriorando
  Siria: in tempi di conflitto, le persecuzioni colpiscono sia cristiani sia musulmani
  Siria: rifugiati iracheni ai margini di un altro conflitto
  Siria: il JRS amplia il suo intervento ad Aleppo
  Siria: reti locali di solidarietà e JRS aiutano le famiglie sfollate
  Siria: rifugiato trova il suo scopo nella vita presso il centro Al Mukhales
  Siria: migliaia di sfollati dopo il riaccendersi delle violenze a Sheikh Maqsoud
  Siria: trasformare il dolore nella loro arma più potente
  Siria: due anni di conflitto mettono a serio rischio l'educazione e il benessere dei bambini
  Siria: aggiornamento sull'assistenza di emergenza del JRS
  Siria: la violenza a Damasco alimenta disperazione e paura
  Siria: i volontari sono fondamentali per il lavoro del JRS
  Siria: riconosciuto da fondazione per i diritti umani tedesca il lavoro della comunità gesuita
  Stati Uniti: il Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati sostiene la Siria
  Voci d'Europa unite per aiutare i rifugiati siriani


I bambini raccolgono scorte per le loro famiglie presso uno dei centri nelle scuole di Aleppo (Avo Kaprealian e Sedki Al Imam/JRS)
Beirut, 11 dicembre 2012 – Mentre la pioggia invernale arriva sulla regione e le temperature calano, il team del JRS in Siria ha diffuso l'allarmante notizia che scarseggiano viveri e altri articoli di prima necessità per l'inverno.

"Compriamo quello che serve e quando possiamo. E' difficile trovare tutto ciò di cui abbiamo bisogno e ciò che abbiamo non è mai sufficiente rispetto alla domanda", spiega il vice direttore del JRS a Damasco.

Per adesso, il JRS è riuscito a fornire materassi e coperte a 3.000 persone che sono a Damasco. Però questo numero aumenta di mese in mese e sempre più famiglie di sfollati si rifugiano nella capitale.

Inaccessibilità dei viveri. A causa della recente escalation di violenza a Damasco, con bombardamenti e violenti scontri a fuoco in diverse zone della capitale, è diventato sempre più difficile assicurare il reperimento e la distibuzione in sicurezza di generi di prima necessità per gli sfollati.

Lo scorso mese, il bombardamento dei magazzini della Mezzaluna Rossa Araba Siriana (SARC) ad Aleppo, dove erano conservati generi alimentari e altri articoli di prima necessità, ha messo ulteriormente sotto pressione gli sforzi per la risposta all'emergenza a Aleppo e nelle zone vicine. La SARC conta su una rete di ONG, come il JRS, su altre organizzazioni locali e su i volontari sul campo per la distribuzione degli aiuti alle famiglie che ne hanno bisogno.

"Abbiamo 1.250 pacchi di viveri in magazzino e questo ci copre per una settimana ancora. Dopo di che, se la SARC non riesce a fare un rifornimento, dovremo cercare di procurarci da soli gli articoli necessari per i pacchi viveri " dice Tariq, un volontario del JRS a Aleppo.

Espandere I servizi. A Mashta Il-Hulou, una zona vicino a Homs, c'è una preponderanza di famiglie sfollate dai villaggi circostanti. Il JRS attualmente offre assistenza a 500 famiglie in questa regione in forma di coperte, stufe e cibo, che integra i pacchi viveri della SARC che sono distribuiti da volontari in coordinamento con il JRS.

Si sta pianificando di acquistare e distribuire un numero sufficiente di scarpe invernali e vestiti in tutte le zone in cui il JRS opera, oltre alla fornitura degli articoli essenziali.

"Stiamo sostenendo i mercati locali quanto possiamo, acquistando da negozi della zona. La maggior parte delle industrie manifatturiere sono state distrutte, per cui non possiamo più produrre nulla. Ma siamo riusciti a comprare abbastanza cartelle per i bambini che assistiamo nei nostri centri di accoglienza nelle scuole", spiega Abu Ahmed del JRS Aleppo.

Come puoi aiutare?

Qui sotto c'è una lista di articoli di cui la popolazione in Siria ha urgente bisogno per sopravvivere all'inverno. Con la tua donazione, possiamo alleviare le sofferenze dei siriani.
  • 50 euro: un pacco viveri per una famiglia di cinque persone per un mese
  • 80 euro: un kit base per una persona: un materasso, due lenzuola, un cuscino, due coperte invernali e due asciugamani
  • 120 euro: vestiti per l'inverno per una famiglia (pullover, giacca, pantaloni, scarpe)
  • 160 euro: affitto per un mese di un appartamento per una famiglia sfollata
  • 4.000 euro: costo della fornitura di cibi caldi per 10.000 persone per un giorno
  • 8.000 euro: costo dell'installazione di una seconda cucina da campo.
Per sostenere I progetti di emergenza del JRS, visita https://www.jrs.net/donate


Countries Related to this Region
Syria