Afghanistan: cercare la pace, porre al centro l'istruzione
  Angola: Affrontare il futuro con fiducia
  Asia del Pacifico: leggere tra le righe per capire le necessità di alfabetizzazione dei rifugiati
  Birmania: l'istruzione è la soluzione
  Burundi: l’educazione informale promuove il progresso sociale
  Cambogia: Nei campi di permanenza obbligatoria non è possibile una buona educazione
  Repubblica Democratica del Congo: bambini - soldato, la scuola rimedio privilegiato
  Repubblica Democratica del Congo: concentrarsi sull'educazione secondaria per i bambini sfollati
  Repubblica Democratica del Congo: le vittime di violenze sessuali trovano il coraggio di raccontarsi
  Africa Orientale: la tecnologia aiuta a studiare i rifugiati che vivono isolati
  Educazione nel Sud Sudan
  Internazionale: portare l'istruzione superiore ai rifugiati
  Giordania: l'accompagnamento per i rifugiati è la prima cosa
  Giordania: al passo con i tempi, il JRS Giordania si adatta ai bisogni della comunità
  Giordania: ripensare il modello universitario tradizionale
  Giordania: c'è un rifugiato in ciascuno di noi
  Giordania: senza accompagnamento non c'è vero servizio
  Kenya: bambini rifugiati urbani e istruzione
  Malawi: immagina di essere un rifugiato
  Asia Meridionale: istruzione impartita a studenti che hanno risentito di una guerra
  Sudan del Sud: una comunità vale quanto i suoi insegnanti
  Sudan: pace attraverso l'istruzione
  Siria: la violenza a Damasco alimenta disperazione e paura
  Thailandia: Educare per generazioni
  Thailandia: L’istruzione come spazio protettivo
  Turchia: integrare i bambini rifugiati nelle scuole pubbliche


Le ragazze sono desiderose di andare a scuola, ma incombe lo scenario da incubo di un possibile ritorno dei talebani. (Peter Balleis SJ/JRS)
Bamyan, 27 dicembre 2012 – Nel 2001 il mondo guardò impotente i talebani distruggere due enormi statue di Buddha scavate quasi 1.500 anni prima nella parete rocciosa che sovrasta Bamyan. Oggi le montagne silenziose riportano ancora le ferite di questa piccola e isolata provincia dell'Afghanistan centrale. È stato distrutto qualcosa di più di un prezioso monumento culturale. Le statue del Buddha maschile e femminile rappresentavano tutti gli uomini e le donne di Bamyan trascurati, emarginati e, ancora oggi, nel dolore. 

La bella valle verde di Bamyan è abitata soprattutto da una popolazione hazara. Musulmani sciiti, in opposizione alla maggioranza sannita dell'Afghanistan, gli hazara hanno sofferto terribilmente sotto il dominio del talebani. Molti sono fuggiti nel vicino Iran, dove hanno trascorso anni come rifugiati. La loro sofferenza ha spinto la gente di Bamyan a comprendere che l'istruzione è il solo modo di combattere l'ingiustizia. Il loro desiderio di acquisire conoscenza è così forte che mi stimola davvero a dare sempre il mio meglio.

I bisogni di Bamyan sono molti e diversificati. Ma, sapendo che l'istruzione è la chiave principale per lo sviluppo, il JRS ha investito in questo campo. Mi è stato chiesto di gestire il programma di accesso all'inglese in quattro scuole, nel centro di formazione per insegnanti e all'università. Jerome Sequeira SJ, direttore del JRS a Bamyan, ha dovuto tornare in India per il Terzo anno (la fase finale della formazione dei gesuiti) e io ero un po' timoroso perché rimanevo da solo per tre mesi. Ma si è rivelata una benedizione. La più grande difficoltà da superare era la barriera culturale ma quei mesi da solo mi hanno consentito di conoscere le persone e la loro cultura più da vicino. 

La mia interazione con gli studenti mi ha aiutato a vedere la realtà dal loro punto di vista. I giovani a Bamyan voglio davvero studiare e progredire nella vita, lo dimostra il loro interesse accanito nelle lezioni. Sono stanchi della guerra, ma quando si chiede loro come vedono il futuro dell'Afghanistan, i loro occhi riflettono una preoccupazione profonda. Al tempo dei talebani, le ragazze non potevano andare a scuola e non avevano alcuna possibilità di imparare. Una delle nostre studentesse ha dato voce alla loro paura silenziosa: "Se i talebani ritornassero, sarebbe più difficile per noi ragazze uscire di casa liberamente e andare a scuola o all'università. Ci sarebbe sempre una paura di morte". 

I genitori condividono l'opinione delle ragazze. Un operatore del JRS ha detto: "I talebani non permetteranno mai a noi hazara di vivere in pace. Ci troveranno e ci uccideranno. Non avremmo altra possibilità che di fuggire in un altro Paese come rifugiati, come abbiamo fatto in passato". Un altro membro dell'équipe, Dawlat Bhaktiyari, dice che abbandonerà il Paese volontariamente. "Sarei molto contento di andare altrove dove poter fare studi superiori e trovare un buon lavoro". Molte giovani menti brillanti pensano lo stesso: che non c'è posto per loro in Afghanistan, non c'è posto per la libertà di parola.

Per il momento, almeno, Bamyan è relativamente sicura, anche se i suoi dintorni e le strade che portano alla città restano instabili e pericolosi. Molti considerano Bamyan un segnale di speranza per il resto del Paese. C'è una lunga strada da percorrere, ma Bamyan può cambiare veramente? La mia risposta è sì, il cambiamento è possibile. Ma la gente di Bamyan ha bisogno del nostro sostegno, ora più che mai. Se ci ritiriamo in questo momento critico, non potremo prendercela che con noi stessi. 

Per quanto mi riguarda, ho scoperto più fiducia e forza interiore che mai. Questo non sarebbe stato possibile senza la fede in Dio, che mi ha mandato in questa missione, e senza la formazione come gesuita. Ogni sera, nel silenzio della preghiera, mi pongo tre domande tratte dagli Esercizi Spirituali di sant'Ignazio di Loyola, il fondatore dell'ordine dei gesuiti, la Compagnia di Gesù: Che cosa ho fatto per Cristo? Che cosa sto facendo per Cristo? Che cosa farò per Cristo? Sono grato alla Compagnia per avere riposto così tanta fiducia in me e perché mi stimola ad andare avanti. Come gesuiti siamo chiamati a uscire dalle nostre zone di sicurezza, per donare senza mettere in conto i costi.

Questa terra di incertezze mi ha insegnato molto e sarò sempre grato a tutti quelli che sono stati con me in questa missione della Compagnia. È attraverso il vostro aiuto e sostegno che ho ricevuto una formazione che sarà sempre più vicina al mio cuore.

Jestin Anthony SJ è un gesuita in formazione proveniente dalla provincia del Gujarat, in India. Questo articolo è tratto dall'ultima edizione di Servir. Clicca qui per visualizzare l'intero documento.



Countries Related to this Region
Afghanistan