Area news
Con uno staff di oltre 1.500 persone in tutto il mondo, il Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati è una risorsa importante per i giornalisti che cercano informazioni sulle ultime novità in merito alle migrazioni forzate nel mondo. I giornalisti che visitano questo sito hanno accesso a comunicati stampa e notizie recenti che riguardano i rifugiati e altri migranti forzati, aggiornamenti su progetti e attività del JRS, discorsi, contenuti speciali e altro materiale.

I programmi del JRS sono realizzati in oltre 50 uffici nazionali e attraverso una vasta rete di partner e ogni anno contano oltre 500.000 beneficiari in tutto il mondo.

La nostra rete mondiale di responsabili della comunicazione degli uffici regionali, basati in Africa, Asia, Europa e America Latina, è in grado di fornire aggiornamenti sulle emergenze e contatti del personale che opera sul campo.

Lo staff regionale può fornire informazioni sui programmi del JRS e sulle priorità del lavoro di advocacy o offrire informazioni dettagliate sulle crisi globali in corso.

Per domande da parte dei media e per organizzare un'intervista, contatta il nostro staff dell'area comunicazioni.

Per qualunque altra richiesta, chiama +39 06 689 77465

Malta: il rapporto del JRS, Oltre ogni immaginazione, documenta le violazioni dei diritti umani dei richiedenti asilo in Libia
La Valletta, 4 febbraio 2014 – I richiedenti asilo non dovrebbero essere rimandati in Libia per nessun motivo, perché lì la loro sicurezza, la loro vita e la loro libertà sono a rischio. In Libia non c'è praticamente nessuna possibilità di ottenere protezione, anche ora che il regime di Gheddafi è crollato.
Segue >>>
Stati Uniti: gruppi umanitari condividono la preoccupazione per l'apolidia nella Repubblica Dominicana
Washington DC, 4 novembre 2013 — Il Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati e altre organizzazioni umanitarie condividono le preoccupazioni dell'Organizzazione degli Stati americani circa la recente decisione presa dalla Corte costituzionale della Repubblica Dominicana che potrebbe far perdere arbitrariamente la cittadinanza a migliaia di dominicani di origine straniera.
Segue >>>
Repubblica Dominicana: organizzazioni gesuite sostengono la campagna contro una sentenza della Corte costituzionale
Roma, 25 ottobre 2013 – Organizzazioni gesuite di tutto il mondo si stanno mobilitando per opporsi alla nuova sentenza che nella Repubblica Dominicana potrebbe far perdere i diritti di cittadinanza a mezzo milione di dominicani, lasciandoli privi di status e impossibilitati a esercitare i diritti umani di base.
Segue >>>
Le agenzie cattoliche decretano: la vita va protetta prima ancora delle frontiere
Roma, 25 ottobre 2013 – La Caritas e il Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati chiedono ai governi europei di porre in atto soluzioni giuridiche che consentano a rifugiati e migranti di arrivare in Europa continente in sicurezza.
Segue >>>
Italia: basta morti nel Mediterraneo, è il momento di misure straordinarie
Roma, 3 ottobre 2013 – Il naufragio in cui hanno perso la vita oggi oltre 90 uomini, donne e bambini che cercavano protezione in Europa rappresenta l'ennesima tragedia nel Mediterraneo quest'anno. La protratta inerzia delle autorità italiane e dell'Unione Europea è ingiustificabile.
Segue >>>
Kenya e Malawi: primi laureati tra gli studenti universitari sostenuti dal Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati
Roma, 24 settembre 2013 – Dopo anni di programmazione e duro lavoro in condizioni difficili, il primo gruppo di 49 rifugiati sostenuti agli studi universitari dal Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati si laureerà questa settimana. I rifugiati laureati hanno partecipato all'innovativo corso di studi online in studi umanistici organizzato dal Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati e da Jesuit Commons Higher Education at the Margins.
Segue >>>
Italia: Papa Francesco spezza il pane con i rifugiati a Roma
Roma, 10 settembre 2013 – Rispondendo a un invito del direttore del Centro Astalli (Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati in Italia), Papa Francesco si recherà oggi in visita ufficiale alla mensa del JRS Italia in Via degli Astalli a Roma.
Segue >>>
Asia del Pacifico: si cercano soluzioni semplici a discapito di una visione futura
Sydney, 16 luglio 2013 – Il Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati ha visto con favore la recente visita in Indonesia da parte del primo ministro australiano Kevin Rudd nel contesto di un incontro di vertice tra i due paesi che si è tenuto il 5 luglio 2013. Il JRS plaude inoltre alla proposta avanzata dal presidente indonesiano Susilo Bambang Yudhoyono di ospitare un summit regionale sul tema dei trasferimenti irregolari di persone nella regione.
Segue >>>
Malta: serve impegno formale al rispetto della vita umana
Valletta, 5 July 2013 – La settimana scorsa, la Corte d'Appello maltese ha sentenziato che il respingimento forzato di due cittadini somali in Libia nel 2004 costituiva violazione dei diritti umani. La sentenza sottolinea l'inaccettabilità della dichiarazione espressa dal governo maltese per cui Malta non escluderebbe il respingimento di migranti in Libia, pur nella tragica evidenza supportata da innumerevoli rapporti che in tal modo essi verrebbero posti in serio pericolo.
Segue >>>
Europa: nuovo punto di ingresso nell'UE, nuove lacune nella protezione dei richiedenti asilo
Bruxelles, 26 giugno 2013 – Il sistema di asilo in Croazia è al limite delle proprie capacità e, mentre si prepara all'ingresso nell'UE, sta incontrando difficoltà nel gestire un numero sempre più elevato di richiedenti asilo e immigrati. È quanto afferma un nuovo rapporto pubblicato oggi dal JRS Europa con il titolo From Back Door to Front Door: Forced migration routes through Macedonia to Croatia che si basa su interviste con migranti forzati realizzate a Zagabria in Croazia e a Skopje e Lojane in Macedonia.
Segue >>>
Repubblica Democratica del Congo: nelle operazioni della Brigata di intervento la protezione dell'infanzia deve essere una priorità
Londra, 25 giugno 2013 – Lo spiegamento imminente nella Repubblica Democratica del Congo (RDC) di una "Brigata di intervento speciale" offre nuove opportunità per rafforzare la protezione dei bambini contro il reclutamento e prevenirne lo sfruttamento nel corso delle ostilità – opportunità che dovrebbero già da subito essere colte dalle Nazioni Unite e dal Governo congolese.
Segue >>>
Globale: ospitalità, valore imprescindibile per una comunità che vuole essere sana e forte
Roma, 20 giugno 2013 – L'ospitalità è un valore profondamente umano , è riconoscere il diritto di ciascuno ad essere accolto e rispettato. L'accoglienza, tuttavia, deve esprimersi anche in maniera pratica, concreta, vale a dire in termini di cibo, riparo ed educazione – aiutando così i rifugiati a contribuire attivamente alle rispettive comunità di accoglienza.
Segue >>>
Rifugiati, storie in scatti

Giornata mondiale del Rifugato – comunicato stampa

Roma, 18 giugno 2013 – Un padre siriano, che ha perso il primogenito in uno scontro a fuoco in Siria, decide di portare gli altri figli e le nipoti a Naameh nel Libano occidentale: «Tutto quello che chiedo al futuro è di riuscire a rientrare a casa con i miei ragazzi». Questa ed altre esperienze di rifugiati e richiedenti asilo, costretti a fuggire da guerre, persecuzioni e violazioni dei diritti umani, sono raccontate in una mostra fotografica dal titolo “Santuario e Nutrimento”, che s’inaugura stasera a Roma su iniziativa del JRS.
Segue >>>
Giornata Mondiale del Rifugiato 2013: Santuario e nutrimento, Ospitalità in emergenza
Roma, 18 giugno 2013 – In occasione della Giornata Mondiale del Rifugiato, il Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati organizzerà una serie di eventi che illustreranno le difficolta che via via incontrano e la resistenza che li caratterizza nel contesto di alcune delle più grave crisi nel mondo di oggi.
Segue >>>
L'accordo tra UNHCR e gesuiti migliora l'accesso all'istruzione superiore per i migranti forzati
Roma, 11 aprile 2013 – L'Alto Commissariato delle Nazioni Unite e il Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati (JRS), attraverso il suo partner Jesuit Commons: iniziativa per l'istruzione superiore ai margini (JC:HEM), hanno firmato un accordo per accrescere le opportunità di accedere all'istruzione superiore per i rifugiati e per gli altri migranti forzati, per mezzo di corsi a distanza e in loco.
Segue >>>
Plauso da parte delle 46 principali ONG congolesi e internazionali per le nuove prospettive di pace, sicurezza e cooperazione; si chiedono però azioni ulteriori perché la pace divenga una realtà concreta
Goma/ Kinshasa/Roma/Washington DC, 24 febbraio 2013 – Di pari passo con loro partner internazionali, 46 ONG congolesi e internazionali di primissimo piano si sono appellate oggi a paesi della regione dei Grandi Laghi perché venga assicurato che l'Accordo quadro di pace, sicurezza e cooperazione sottoscritta ad Addis Abeba goda di un supporto politico sufficiente a far sì che cessi il conflitto che affligge il Congo orientale.
Segue >>>
Repubblica Democratica del Congo: appello per un vero processo di pace
Goma, 14 febbraio 2013 – Per anni la comunità internazionale ha tentato di aiutare a stabilizzare la regione orientale della Repubblica Democratica del Congo (RDC), investendo miliardi di dollari USA, eppure una pace sostenibile resta un miraggio. Le elezioni nel novembre 2011 sono state da molti considerate poco credibili1 e le elezioni provinciali e locali sono state rimandate a tempo indeterminato.
Segue >>>
Colombia: Stop! Fermiamo il reclutamento e l'impiego dei bambini nei conflitti armati
Bogotà, 11 febbraio 2013 – Il Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati in Colombia ha inaugurato il nuovo anno di attività aderendo al Red Hand Day (Giornata della Mano Rossa) del 12 febbraio, per esprimere la condanna del reclutamento e dell'impiego dei bambini e degli adolescenti in guerre e conflitti armati.
Segue >>>
Italia: rifugiati senzatetto perdono la vita in un tragico incidente, un tragico e imperdonabile paradosso
Roma, 8 febbraio 2013 – Il JRS Italia esprime profondo cordoglio per la morte di due rifugiati somali nel rogo sviluppatosi in un sottopassaggio a Roma alla fine del mese di gennaio. Gli uomini avevano acceso un fuoco per riscaldarsi di notte, ma le fiamme sono divampate uccidendoli.
Segue >>>
Nel loro impegno i donatori devono porre al primo piano la drammatica e urgente situazione umanitaria degli sfollati siriani
1 febbraio 2013 – Nell'attuale situazione di crescenti violenze e di insanabile carenza alimentare e di generi di prima necessità, il Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati si appella alla comunità internazionale perché dia la massima precedenza ai bisogni della popolazione civile in Siria e nei vicini Libano e Giordania. È assolutamente indispensabile che il maggior sostegno di emergenza sia rivolto alle organizzazioni che operano sul campo fornendo aiuti di sussistenza a un numero sempre crescente di sfollati, e promuovendo al contempo la cooperazione pur tra le esistenti divisioni etniche e religiose.
Segue >>>
Haiti: priorità ai diritti degli sfollati
Bogotá, Roma, Washington, D.C., Port-au-Prince, 14 gennaio 2013 – A tre anni dal sisma che ha squassato Haiti il 12 gennaio 2010, circa 400.000 sfollati vivono ancora nei campi della capitale, Port-au-Prince, e nelle zone circostanti in condizioni di vulnerabilità e privi di ogni forma di protezione.
Segue >>>
America Latina e Caraibi: immigrati, Dio chiede con urgenza si faccia giustizia e si pratichi l'ospitalità
Bogotá, 18 dicembre 2012 – Nel celebrare la Giornata internazionale dei migranti, le opere della Compagnia di Gesù aderenti alla Rete dei gesuiti per i migranti dell'America Latina e Caraibi lanciano un messaggio di solidarietà e speranza ai 214 milioni di fratelli e sorelle migranti di tutto il mondo. Pur di fronte al prezioso contributo che gli immigrati danno tanto alle rispettive società ospitanti quanto a quelle di origine, molti di essi sono costretti a vivere in condizioni di vulnerabilità, privi di protezione internazionale contro le violazioni dei diritti umani di cui possono essere oggetto.
Segue >>>
Globale: un richiamo agli Stati affinché mettano fine alla detenzione dei bambini
Melbourne, Bruxelles, 10 dicembre 2012 – Nella Giornata dei Diritti Umani, la International Detention Coalition (IDC), insieme alla Campagna Globale per Fermare la Detenzione dei Bambini , invitano gli Stati a prendere iniziative per prevenire o abolire la detenzione dei bambini e iniziare ad adottare alternative più umane nell'ambito della comunità. La detenzione, anche per brevi periodi, ha un impatto negativo dal punto di vista psicologico e emozionale sui bambini migranti, che evidentemente non minacciano la sicurezza della comunità ospite.
Segue >>>
Europa: UE-Nordafrica mettono a rischio i diritti dei migranti
Bruxelles, Roma, 6 dicembre 2012 – Si registrano con sempre maggior frequenza in Marocco raid della polizia e conseguenti espulsioni di immigrati mentre in Algeria sono costretti a vivere in strutture abitative fatiscenti. La mancanza in ambedue i paesi di una legge sull'asilo lascia un numero spropositato di migranti forzati senza accesso allo status di rifugiati. Al contempo, persistono diffuse violazioni dei diritti di questa popolazione, perlopiù imputabili a una troppo frequente "distrazione" da parte dell'Unione Europea. È quanto si apprende da un rapporto pubblicato in data odierna dal Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati (JRS) Europa.
Segue >>>
Repubblica Democratica del Congo: ancora sangue a Masisi, sfollati allo stremo
Bujumbura, 5 dicembre 2012 – Ancora sangue, distruzione e popolazione in fuga a Masisi, regione ricca di minerali del Nord Kivu, nel Congo orientale, dove almeno 28 persone sono state uccise dal 29 novembre in seguito all'inasprimento degli scontri tra gruppi armati rivali.
Segue >>>