Area news
Con uno staff di oltre 1.500 persone in tutto il mondo, il Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati è una risorsa importante per i giornalisti che cercano informazioni sulle ultime novità in merito alle migrazioni forzate nel mondo. I giornalisti che visitano questo sito hanno accesso a comunicati stampa e notizie recenti che riguardano i rifugiati e altri migranti forzati, aggiornamenti su progetti e attività del JRS, discorsi, contenuti speciali e altro materiale.

I programmi del JRS sono realizzati in oltre 50 uffici nazionali e attraverso una vasta rete di partner e ogni anno contano oltre 500.000 beneficiari in tutto il mondo.

La nostra rete mondiale di responsabili della comunicazione degli uffici regionali, basati in Africa, Asia, Europa e America Latina, è in grado di fornire aggiornamenti sulle emergenze e contatti del personale che opera sul campo.

Lo staff regionale può fornire informazioni sui programmi del JRS e sulle priorità del lavoro di advocacy o offrire informazioni dettagliate sulle crisi globali in corso.

Per domande da parte dei media e per organizzare un'intervista, contatta il nostro staff dell'area comunicazioni.

Per qualunque altra richiesta, chiama +39 06 689 77465

Italia: il governo non assicura protezione a rifugiati e richiedenti asilo
Roma, 8 aprile 2014 – La crisi economica in Italia ha colpito con particolare durezza i rifugiati. Anche chi aveva già fatto un buon tratto del percorso verso l'autonomia è stato costretto a tornare a chiedere assistenza: lo documenta il rapporto annuale del Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati in Italia (Centro Astalli).
Segue >>>
Siria: il JRS in lutto per la morte p. Frans van der Lugt, SJ
Beirut, 7 aprile 2014 – Il Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati ha reso nota l'intenzione di chiudere i propri uffici per tre giorni in seguito alla morte di p. Frans van der Lugt. L'intera famiglia del JRS è profondamente addolorata e sconvolta per l'improvviso decesso avvenuto nella prima mattinata di oggi.
Segue >>>
JRS Siria riceve il premio per la pace Pax Christi International
Roma, 31 marzo 2014 – Il premio per la pace Pax Christi International edizione 2014 è stato assegnato al Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati Siria per l'impegno profuso nell'offrire assistenza di emergenza alla popolazione siriana fin dall'inizio del conflitto nel 2011. Istituito nel 1988, il premio è un omaggio a singoli individui e organizzazioni che sostengono pace, giustizia e non violenza in diverse parti del mondo.
Segue >>>
Stati Uniti: c'è bisogno di una riforma dell'immigrazione per mettere fine alle sofferenze e riscattare il paese
Washington DC, 20 marzo 2014 — Il Comitato sull'immigrazione della Conferenza dei Vescovi cattolici degli Stati Uniti, cui si sono uniti vescovi delle zone di confine, si muoverà dal 30 marzo al 1° aprile da Nogales in Arizona lungo tutto il confine tra Stati Uniti e Messico per celebrare una messa in ricordo dei quasi 6.000 migranti che dal 1998 hanno perso la vita nel deserto degli Stati Uniti.
Segue >>>
Stati Uniti: numerose ONG premono sul governo statunitense perché adotti energiche misure volte a portare la pace nel Sud Sudan e nella Repubblica Centrafricana.
Washington DC, 20 febbraio 2014 — Ventisei organizzazioni, tra cui il Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati, hanno proposto al governo degli Stati Uniti di adottare una serie di misure volte ad "assicurare che le operazioni di peacekeeping in atto nei due specifici contesti ottengano il massimo delle probabilità di porre fine alle violenze, proteggere la popolazione civile e pervenire a condizioni di stabilità" nel Sud Sudan e nella Repubblica Centrafricana.
Segue >>>
Sud Sudan: calma piena di tensione a Maban
Maban, 14 febbraio 2014 – Con la riapertura delle scuole all'inizio del mese, a Maban, nello stato dell'Alto Nilo del Sud Sudan, prevale un clima di calma tensione. Il personale delle ONG, sia locali che internazionali, ha cominciato a rientrare nella contea nella zona nordorientale dello stato dell'Alto Nilo.
Segue >>>
Filippine: comunità ancora sfollate dalle violenze
Mindanao, 14 febbraio 2014 – Le comunità sfollate rientrate a Maguindanao e North Cotabato nel sud delle Filippine, sono state di nuovo costrette a scappare solo un giorno dopo la firma dell'ultimo annesso dell'accordo quadro di Bangsamoro (FAB), il tanto anticipato accordo di pace del 26 gennaio 2014 tra il Fronte Islamico di Liberazione Moro (MILF) e il governo delle Filippine.
Segue >>>
Siria: i cittadini di Homs desiderano solo poter avere una vita normale
Roma, 10 febbraio 2014 – Tremila siriani intrappolati nella città vecchia di Homs sotto assedio da due anni e senza aiuti alimentari potrebbero finalmente ricevere soccorso in seguito agli accordi raggiunti giovedì nel corso dei negoziati di Ginevra II tra governo e forze di opposizione. Dopo due settimane, i negoziati sembrano aver portato frutti: un accordo che consenta una "pausa umanitaria" per la città di Homs.
Segue >>>
Città del Vaticano: promuovere solidarietà, accettazione e gesti di fratellanza
Città del Vaticano, 28 gennaio 2014 – Secondo Migranti e rifugiati: verso un mondo migliore, pubblicato la settimana scorsa dal Vaticano, l'attuale realtà della migrazione in un mondo in rapida globalizzazione pone una sfida particolare a leader e cittadini di tutto il mondo.
Segue >>>
Sud Sudan: i piani del JRS sono stati sospesi, ma non cancellati
Nairobi, 9 gennaio 2014 — Alla fine del 2012, il Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati Africa Orientale ha affidato la gestione dei sui progetti a Lobone, Nimule, Kajo Keji e Yei alla comunità e alla Chiesa locale. Il percorso verso la pace era terminato positivamente, il Paese è indipendente ed era stato offerto un solido supporto ai rifugiati che avevano fatto ritorno in patria, in collaborazione con la comunità, l'amministrazione e la chiesa locale e con il sostegno dei donatori.
Segue >>>
Sud Sudan: l'appello dei gesuiti per una risoluzione pacifica della crisi
Nairobi, 8 gennaio 2014 – Si stima che il recente divampare del conflitto in Sud Sudan abbia costretto a fuggire dalle proprie case circa 201.000 persone in poche settimane, comprese le 60.000 che hanno chiesto asilo presso le basi delle Nazioni Unite. Altre 32.000 persone hanno cercato asilo nei Paesi vicini; quasi il 75% di esse si sono rifugiate in Uganda.
Segue >>>
Repubblica Democratica del Congo: ucciso membro di uno dei gruppi del Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati
Masisi, 22 novembre 2013 – Due settimane fa, Yohana Bushu, collaboratore del JRS nella Repubblica Democratica del Congo, è rimasto colpito in una sparatoria decedendo poche ore dopo in ospedale.
Segue >>>
Asia del Pacifico: impegno del Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati nell'opera di soccorso nelle Filippine
Bangkok, 14 novembre 2013 – Di fronte alla devastazione e al massiccio sfollamento provocato dal tifone Haiyan, il Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati ha deciso che la risposta più pratica e immediata da dare sia quella di fornire sostegno logistico al Simbahang Lingkod ng Bayan, organizzazione locale gestita dai gesuiti.
Segue >>>
Repubblica Centrafricana: violenza di massa e minaccia imminente per i civili
Washington DC, 1 novembre 2013 – Il Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati e altre rilevanti ONG esortano la comunità internazionale a intervenire rapidamente nella Repubblica Centrafricana per proteggere i civili e sventare ulteriori atrocità nei loro confronti. La situazione umanitaria, sempre più drammatica, minaccia la stabilità dell'intero Paese.
Segue >>>
Messico: rapporto del JRS evidenzia abusi contro i migranti in America Centrale
Washington DC, ottobre 29, 2013 — Un nuovo rapporto elaborato dal Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati Stati Uniti nota che i flussi di migranti dall'America Centrale verso gli Stati Uniti richiedono particolare attenzione sia dal punto di vista dei diritti umani, sia perché la loro vulnerabilità è strettamente connessa con la continua situazione di insicurezza a livello regionale. Il rapporto, Persistent Insecurity: Abuses against Central Americans in Mexico, presenta anche raccomandazioni volte ad attenuare gli abusi che i migranti si trovano a dover affrontare nel corso del viaggio.
Segue >>>
Malawi: rifugiati del campo di Dzaleka conseguono diploma di laurea della Regis University
Dzaleka, 7 ottobre 2013 – Sotto molti profili, la cerimonia di consegna dei diplomi di laurea che si è tenuta lo scorso 27 settembre nel campo rifugiati di Dzaleka (Malawi) è apparsa come tutte le altre: toga e berretto accademico, fieri genitori, relatori di fama prodighi di consigli per il domani. Eppure si è trattato di un evento straordinario: era la prima volta che in questo campo, a differenza di quasi tutti gli altri, gli studenti erano potuti accedere a un'istruzione superiore.
Segue >>>
Vaticano: Papa Francesco esorta all'ospitalità e alla giustizia in occasione dell'incontro con il Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati
Roma, 12 settembre 2013 – Nel corso della visita alla mensa del Centro Astalli (il Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati in Italia), come già a Lampedusa, Papa Francesco ha invitato ad accogliere i rifugiati.
Segue >>>
Vaticano: la guerra è sempre una sconfitta per l'umanità
Città del Vaticano, 9 settembre 2013 – Decine di migliaia di persone hanno risposto all'appello di Papa Francesco di alzare, nella giornata di sabato, un grido in favore della pace in Siria; appello che è stato raccolto da cristiani e non cristiani che in tutto il mondo si sono riuniti in veglia.
Segue >>>
Cambogia: un workshop incoraggia la riconciliazione nella vita dei rifugiati
Siem Reap, 5 agosto 2013 – Sebbene il tema della riconciliazione sia sempre stato a cuore al Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati, negli ultimi cinque anni l'organizzazione ha iniziato a rendere la riconciliazione un asse portante di tutte le sue attività.
Segue >>>
Venezuela: i campesinos colombiani sfollati sul confine con la regione di Catacumbo
Zulia, 29 luglio 2013 – Il team del JRS Venezuela riferisce come nella cittadina frontaliera di Zulia, a metà del mese di luglio più di 800 campesini provenienti dalla regione di Catacumbo abbiano attraversato il confine in cerca di sicurezza una volta ripreso il conflitto.
Segue >>>
Australia: il Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati condanna la nuova politica riguardante i rifugiati
Sydney, 22 luglio 2013 – Il Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati ha espresso condanna per la "soluzione PNG" adottata dal governo australiano nei confronti dei rifugiati e ha invitato il Primo Ministro a rendere di pubblico dominio i reali costi di questa politica disumana e crudele; vale a dire quanto essa graverà sul contribuente australiano, sulla comunità della Papua Nuova Guinea e sulle vite di quanti cercano rifugio in Australia.
Segue >>>
Siria: civili organizzano campagna di pulizia ad Aleppo
Aleppo, 12 luglio 2013 – Da molti mesi, le agenzie umanitarie stanno richiamando l'attenzione su problematiche igienico-sanitarie connesse al collasso delle infrastrutture e dei servizi municipali in Siria. Con l'aumento delle temperature oltre i 30 gradi Celsius, si vanno diffondendo ad Aleppo casi di leishmaniosi e altre malattie che sarebbero altrimenti prevenibili.
Segue >>>
Globale: il JRS si unisce all'appello multi-confessionale perché sia assicurata protezione ai rifugiati
Ginevra, 10 luglio 2013 – Il Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati si è unito all'agenzia delle NU per i rifugiati (UNHCR) e ai rappresentanti di organizzazioni fondate su valori religiosi per chiedere maggiore protezione per i rifugiati.
Segue >>>
Globale: ampliata la capacità di risposta alle crisi, prosegue nel 2012 il focus su rifugiati urbani e istruzione
Roma, 10 luglio, 2013 – Risposte rapide alle crisi, rifugiati urbani e istruzione di qualità sono stati i temi principali del lavoro del Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati nel 2012, lavoro che ha beneficiato più di 600.000 sfollati con la forza in 51 paesi del mondo.
Segue >>>
Italia: Papa Francesco visita Lampedusa e chiede una risposta globale alla migrazione forzata
Roma, 8 luglio 2013 – Oggi, in occasione della visita all'isola di Lampedusa, Papa Francesco si è erto simbolicamente a sostegno dei diritti umani e della giustizia parlando in favore dei migranti e dei rifugiati che compiono il viaggio verso l'isola nella speranza di un futuro pacifico in Europa, e della comunità ospitante posta di fronte alla necessità di estendere l'ospitalità al flusso ininterrotto di migranti.
Segue >>>